A SPASSO NEL SISTEMA SOLARE (ipertesto)


A   SPASSO  NEL  SISTEMA  SOLARE

ALIEN7.gif

clicca qui per scaricare ed ascoltare il file audio

Ciao a tutti! Io sono il Dottor Mar Ugo
e ho il compito di spiegarti come funziona questo ipertesto.

Sappi che farai un lungo viaggio spaziale che ti porterà a scoprire il Sistema Solare !

sistema_solare.JPG

Prima sosta sul sole, per proseguire poi ,pianeta dopo pianeta , fino all’ultimo e più distante dal Sole e cioè Nettuno!

In ogni tappa incontrerai una guida intergalattica di volta in volta diversa, la quale ti porterà a conoscere il “suo” pianeta e ti aiuterà quando dovrai affrontare

le difficilissime prove di verifica, tra un pianeta e l’altro!

Ti dovrai impegnare al massimo, perchè lungo il viaggio potresti incontrare i terribili alieni del pianeta Ariòma

ALIENO_CATTIVO.gifALIENO_CATTIVO.gif
che faranno di tutto per distrarti ed ostacolarti !

Al termine del viaggio dovrai superare un difficilissimo esame e se ci riuscirai, ti verrà rilasciato il Diploma che attesterà per sempre le tue doti di S.NA.S.A. (Super Navigatore Spaziale Addestrato)

SEI PRONTO ?

ALLACCIA BENE LE CINTURE , CHE ORA INIZIA IL CONTO ALLA ROVESCIA.

– 5 … – 4… – 3… – 2… -1

CLICCA SUL MISSILE E PARTIRAI

MISSILE_SPAZIALE.gif

…COME UN RAZZO

DESTINAZIONE : SOLE

Per la costruzione delle prove di verifica, abbiamo utilizzato il programma freeware HOTPOTATOES che puoi scaricare dall’home page del sito http://hotpot.uvic.ca/ oppure direttamente cliccando QUI

VITA DA ACINI

VITA DA ACINI

Laboratorio di Scrittura Creativa (produzione di testi umoristici)
Laboratorio @scuol@scolt@ndo : Situazione Formativa: costruzione di ebook ed audiobook

INTRODUZIONE



L’estate stava per finire e, nelle campagne sotto il paese di Ceola, le viti erano cariche di grossi grappoli d’uva.

Sembravano tante vecchiette con la gobba! Le ultime calde giornate di agosto, avevano fatto diventare gli acini dei grappoli di muller :·beIli grossi e belli gialli; grossi e viola invece, queIIi deII’uva schiava.

: – Eh si! Ouest’anno sarà proprio una vendemmia coi fiocchi !! – esclamava ogni giorno il proprietario deI campo! ·

Gli acini del grappoli più grandi, che erano in bella vista, si pavoneggiavano perchè si sentivano belli e attraenti!

: – Noi si che siamo belli ! – diceva un acino a un suo vicino.

:- Ma..lo puoi dire forte! II sole ci ha fatto diventare forti e abbronzati – rispondeva l’altro.

:- Guardate invece quelli nascosti su tra Ie foglie… quanto sono piccoli,brutti e verdi! – aggiungeva un altro acino del grappolone. Nessuno li noterà e resteranno quindi sempre lì piantati..sulla pianta!

:- Hai proprio ragione! Non tutti nascono fortunati e con la camicia, come noi! – sghignazzava un acino.

Le giornate passavano e piano, piano si avvicinava l’autunno…

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

SCEGLI TU COME FAR PROSEGUIRE IL RACCONTO.  HAI A DISPOSIZIONE QUESTE POSSIBILITA’:

cliccando sui titoli ti collegherai al sito della classe autrice di questo (ed altri) audioracconti!
Buona lettura e buon ascolto!


ACINI DA STRUDEL

UFFA LA MUFFA

ACINI FORTUNATI

ACINI NEL WATER

VIAGGIO FRA SUCCHI…GASTRICI

ACINI STRITOLATI

“Settembre: la campanella torna a suonare”

SETTEMBRE: LA CAMPANELLA TORNA A SUONARE

Progetto ……………………….. @scuol@scolt@ndo

Situazione formativa …… costruzione di ebook e d audiobook

Anno Scolastico ……………. 2009/2010

settembre la campanella torna a suonare.pdf

clicca qui per scaricare il file audio ed  ascoltare il racconto

Precisazioni

Questo testo è stato scritto ispirandosi a un fatto realmente accaduto il primo giorno di scuola; la fantasia degli acini ha poi fatto il resto. Vi imbatterete in “passaggi narrativi” un po’ bizzarri , ma … state tranquilli! Gli acini scolari si distinguono anche per questo: loro, infatti, ogni tanto si divertono a confondere i loro lettori! Buon divertimento!

E‘ il primo giorno di scuola.

Emozionati, tutti i bambini chiaccherano animatamente nell’atrio, con i loro zainetti colorati per terra o sulle spalle. Fra questi ce ne sono di tristi! Infatti preferirebbero stare ancora a casa o su qualche spiaggia in vacanza.

Driiin…

L’allegra campanella ristabilisce l’ordine (ehm … si fa per dire!).La mandria di bufali si divide in piccoli gruppi che entrano nelle loro nuove classi.

Filippo, come tutti i suoi compagni, comincia ad estrarre un quaderno…due quaderni…tre quaderni…un astuccio…uno scorpione e…

cheEEEEE??? Uno scorpioooneeEE !!??

Il biondino butta un occhio nello zaino e rimane con il fiato sospeso; la sua faccia è come quella di chi intravede una cacca sulla strada e la evita schifato all’ultimo momento!

Lo scorpione scruta l’intruso e con fare minaccioso alza la coda, inarcando il pungiglione.

Accidenti, pare proprio arrabbiato!

“Chi sei tu? Cos’hai tu da guardarmi con quella brutta faccia da ciclope?”

Sembra dire l’animale.

Filippo si riprende l’occhio che aveva buttato nello zaino poco prima; offeso, guarda lo scorpione;inarca le sopracciglia e dalla bocca socchiusa fa uscire un grugnito da far invidia a un trattore scarburato.

Perbacco,ora è lui ad essere irato!

“Che cavolo ci fai tu nel mio zaino? – esclama il ragazzino – di solito, te ne stai rintanato in quello della maestra!”

Si parla dell’insegnante e spuntano le … gonne: ecco infatti la maestra che si avvicina indignata allo zaino ed esclama allo scorpione:- Brutto somaro! Quante volte te lo devo dire che devi stare nella mia borsa a fare la guardia ai miei libri! Come ti sei permesso di abbandonare il tuo posto di lavoro?!!

Lo scorpione, rassegnato e triste, esce dallo zaino di Filippo per rincasare piano, piano a fare la guardia a libri, registro,chiavette usb, telefonino, occhiali , trucchi e e…dentiera di ricambio!

Eh sì, cari lettori! Proprio una dentiera di ricambio!

Perché succede spesso che la vecchia Maridel Crimilin essendo mezza sorda, invece di parlare urla come una fastidiosa sedia trascinata ; a causa degli irritanti starnazzi che emette, la sua dentiera taglia spesso la corda e fila via a gambe levate!

Ridendo e scherzando, la campanella suona a mezza mattina, annunciando che è ora di ricreazione: i bambini corrono felici in cortile e si tuffano nei soliti giochi e sulle gustose merendine!

Natale è…la storia di Nespola (audio racconto)

Natale è …
(La storia di Nèspola)

www.unbelgruppolo.wikispaces.com

Questo testo si è aggiudicatoIL PRIMO PREMIO ASSOLUTO su 191 partecipanti al concorso di narrativa intitolato “LA FIABA E IL RACCONTO DI NATALE “, (promosso dal Comune di Centa San Nicolò. pv di Trento)

Natale è.pdf

clicca qui per ascoltare il racconto. Natale è…la storia di Nespola

la_storia_di_nespola.jpg

E’ la Vigilia di Natale.
Sara e Andrea stanno guardando la pubblicità di dolci e giocattoli in tv, mentre il nonno , seduto comodamente in poltrona, legge un giornale e di tanto in tanto osserva i nipotini da sopra i piccoli occhiali da vista.

“ Ai me tempi , per Nadàl, se ciapava en pugn de nespole messe a madurar en te la paia! E…Deo Grazia!!
Ma eren sempre contenti istes de quele doi nespole, perché alora se pativa la fam!
Miga come adès! “ – Il nonno fece una breve pausa, poi riprese a brontolare

“ Doman matina, ghe sarà chi el sogiorno pien de giocatoi : batària che no ve ‘mprestreo gnanca, e che dopo doi ore lassereo en ten canton!
Sai ben mi … L’è ogni an quela! “ .

“ Nonno, baaasta con questa storia! Si, ogni an l’è propri quela!
Ormai la sappiamo a memoria questa storia delle nespole!” – dissero i due nipotini.
“Cosa avranno mai di speciale quelle benedette nespole che abbiamo nell’orto !? A me non piacciono proprio!”
– esclamò Sara.
“Mah…! Dai che facciamo una breve ricerca in internet ! “ – propose Andrea.

Sicuri di far contento il nonno, i due nipotini accesero quindi i loro computer : start- google-nespola-invio

“Questo sito mi sembra interessante … adesso guardo cosa dice a proposito delle nespole” – disse Sara
Frutto di color giallo-arancio, dalla buccia sottile e di forma tondeggiante, ricco di sostanze nutritive…
“ Io ho scoperto chela pianta del nespolo è la prima a fiorire, e i suoi frutti sono gli ultimi a maturare.

Mancavano poche ore alla vigilia di Natale!
I bambini, finita la veloce ricerca su internet , spensero i computer e si infilarono sotto le coperte.
Non si addormentarono subito! Ma,dopo una buona mezz’oretta,i loro occhi decisero che era venuto il momento di abbassare finalmente le tapparelle.

JINGLE BELLS – JINGLE BELLS …la-la-la-la-laaaaaa

I due ragazzini finalmente si addormentarono e misteriosamente cominciarono a fare lo stesso strano sogno…
JINGLE BELLS – JNGLE BELLS …la-la-la-la-laaaaaa

Si trovavano nel bel mezzo di un orto, nascosti dietro un grande capanno… quando, ad un certo punto…
JINGLE BELL – JNGLE BELLS …la-la-la-la-laaaaaa

Il canto natalizio si fece sempre più forte e vicino…
Una ragazza dai capelli neri era entrata nell’orto canticchiando felice, stringendo nelle mani alcuni cestini vuoti; salì poi su uno dei nespoli e poi cominciò a raccoglierne i piccoli frutti; stava bene attenta a non farli cadere.
Quando ebbe riempito i cestini, la ragazzina scese dall’albero e si diresse proprio verso il capanno.

Vide i due bambini , ma fece finta di niente. Dopo un po’ riprese a canticchiare e alla fine disse loro:
“ Cosa fate lì nascosti?! Datemi piuttosto una mano. Ho molte nespole da raccogliere! ”
I due bambini uscirono allo scoperto e lentamente salirono anche loro sull’albero .
Mentre lavoravano si presentarono e cominciarono a fare amicizia:
“ Io mi chiamo Fioranna – disse la ragazza. “Ma per tutti qui io sono “Nespola ”
“Io sono Andrea e io sono Sara” – dissero i due fratellini.

“ Volete venire con me, più tardi? ” – chiese Fioranna ai due bambini. “ Devo assolutamente portare questi frutti alla gente del paese, prima della mezzanotte! ”

Mentre camminavano, spiegò ai due bambini che sua nonna le aveva affidato l’orto con il compito di curare le piante di nespolo tutto l’anno, dalla fioritura alla maturazione dei frutti e poi, alla vigilia di Natale, di portare in dono le sue nespole quasi mature agli abitanti del paesetto.

“ La nonna mi diceva che è una bella cosa saper regalare agli altri un po’ della propria felicità! ”
– disse Fioranna.
“ Per me sono il più bel frutto del mondo e mi danno sempre tanta soddisfazione!
Ogni nespola mi fa compagnìa tutto l’anno: in primavera, quando è ancora un fiorellino bianco e in inverno quando è pronta per essere raccolta ! “

Si avviarono tra le case e cominciarono a distribuire i frutti che avevano raccolto.
Gli alberi spogli erano carichi di neve; nel paese non c’era nessun rumore, tranne il fruscìo del vento tra i rami delle piante e le risate di un gruppetto di bambini che giocava a palle di neve.
Man mano che proseguivano nel loro giro, sempre più bambini uscivano dalle loro case e si univano a Nespola, Andrea e Sara.

Arrivarono alla grande villa bianca in cui abitava una famiglia di ricchi: Nespola suonò al campanello dorato e pochi istanti dopo apparve una piccola signora tutta impellicciata e truccata: era la contessa Amalia VonGat che, con un certo disgusto, si rivolse ai bambini dicendo:
“Andate via!Non abbiamo bisogno di queste cose da poveri! Noi ne abbiamo di cibo! “
I tre, lì per lì ci restarono male, ma poi … quando si furono allontanati … si divertirono a farle tante di quelle pernacchie e linguacce, che non vi immaginate neanche!
I nipoti della contessa, che nel frattempo erano usciti di nascosto dal retro della villa, assaggiarono incuriositi quei frutti strani e si stupirono del loro gradevole sapore ; poi … chissà perché, anche loro si unirono al grande gruppo nella distribuzione delle nespole.
“Che soddisfazione aver svuotato anche quest’anno i cestini” – esclamò Nespola, ringraziando i suoi nuovi amici e invitandoli a festeggiare la vigilia del Natale nel suo grande orto.
Chi passò da quelle parti vide tanti bambini
divertirsi tutti insieme, per ore e ore anche senza giocattoli, ma con tanta felicità nel cuore!

JINGLE BELLS – JINGLE BELLS …la-la-la-la-laaaaaa
JINGLE BELLS – JINGLE BELLS …la-la-la-la-laaaaaa
JINGLE BELLS – JINGLE BELLS …la-la-la-la-laaaaaa

Come tutti i sogni fantastici, anche quello di Sara e Andrea si interruppe e i due si svegliarono contemporaneamente al mattino.
Ancora in pigiama, si precipitarono in salotto e si tuffarono letteralmente sotto l’albero per prendere i loro regali.
Poi, ricordandosi del sogno, uscirono di casa, andarono nell’orto e raccolsero alcune nespole.
Quando rientrarono, le portarono al nonno, promettendogli che da quel momento si sarebbero presi cura loro del nespolo … proprio come aveva fatto la protagonista del bellissimo sogno.
Il nonno osservò i nipotini e poi, con un gran sorriso disse:
“Col temp e con la paia, madura anca le nespole! Sta not magica me sa che l’ha fat maduràr propri en pressa ste me do nespolote brigante ! Che bel Nadàl !!

FINE

E-BOOK e AUDIOBOOK: dove sta la differenza?

COS’E’ UN  E-BOOK (o libro elettronico) ?

E’ la  versione digitale di un libro. Cioè un libro in formato elettronico.


COS’ E’ UN AUDIOBOOK  (o audiolibro) ?


E’ la registrazione audio di un libro :

  • letto ad alta voce da una persona

(ascolta  l’audiofiaba di Cappuccetto Rosso)

(ascolta questa audiofiaba costruita a scuola : “Merlino e gli  umani sporcaccioni”)

Per poter costruire un audiobook (o audiolibro) utilizzando una sintesi vocale, è necessario avere la versione digitale  (cioè l’ebook) del libro cartaceo.

__________________________________________________________________________________

PERCHE’   UTILIZZARE  GLI  AUDIOLIBRI   A  SCUOLA?

Maurizio Falghera, nel suo articolo espone chiaramente l’importanza dell’utilizzo degli audiolibri nella scuola.

Per leggere l’intero articolo, clicca sul titolo.

ASCOLTARE  AUDIOLIBRI  FA  BENE

( di Maurizio Falghera)

PER  ANNI  I  PEDAGOGISTI  HANNO  INSISTITO SULL’IMPORTANZA  DI  LEGGERE  AD  ALTA  VOCE AI  BAMBINI, COME  FATTORE  CRUCIALE PER  IL  LORO  APPRENDIMENTO  DELLE  BASI  LINGUISTICHE.
SIA  LEGGERE  CHE  ASCOLTARE,  STIMOLA  LO  SVILUPPO  DEL  CERVELLO  CON  ENORMI  PROGRESSI NELL’ARTE  DEL  PENSARE, DELLO  SCRIVERE  E  DEL  PARLARE.
ASCOLTARE  AUDIOLIBRI  FA BENE  AI  BAMBINI PERCHE’,  OLTRE  A  GODERE  DELLE STORIE  ACQUISISCONO  INCONSCIAMENTE  UNA  MAGGIORE  COMPETENZA  LINGUSITICA  CHE  POI  VERRA’  AUTOMATICAMENTE  UTILIZZATA  PER  LEGGERE  E SCRIVERE.
ASCOLATARE  AUDIOLIBRI  FA  BENE AI  BAMBINI DISLESSICI  PERCHE’  SONO  MOLTO   AIUTATI   NEL  LORO  SFORZO  DI SUPERARE  I PROBLEMI  DI  LETTURA  E  SCRITTURA.
ESPERIENZE  ORMAI  CONSOLIDATE  DIMOSTRANO  CHE  RIMPIAZZANDO, ANCHE  SOLO  TEMPORANEAMENTE , IL  TESTO  SCRITTO  CON  LA  LATTURA  AD  ALTA  VOCE  E  CON  AUDIOLIBRI,  MIGLIORI   SENSIBILMENTE  LE  LORO  PRESTAZIONI  SCOLASTICHE  E  IN  GENERALE  IL  LORO  APPRENDIMENTO:  IL  TUTTO  A   BENEFICIO  DELL’AUTOSTIMA  DEL  BAMBINO!
PER  ANNI  I  PEDAGOGISTI  HANNO  INSISTITO SULL’IMPORTANZA  DI  LEGGERE  AD  ALTA  VOCE AI BAMBINI, COME  FATTORE  CRUCIALE PER  IL  LORO  APPRENDIMENTO  DELLE  BASI      LINGUISTICHE.
SIA  LEGGERE  CHE  ASCOLTARE,  STIMOLA  LO  SVILUPPO  DEL  CERVELLO  CON  ENORMI PROGRESSI NELL’ARTE  DEL PENSARE, DELLO  SCRIVERE  E  DEL  PARLARE.
ASCOLTARE  AUDIOLIBRI  FA BENE  AI  BAMBINI PERCHE’,  OLTRE  A  GODERE DELLE STORIE ACQUISISCONO  INCONSCIAMENTE  UNA  MAGGIORE COMPETENZA  LINGUSITICA  CHE  POI VERRA’ AUTOMATICAMENTE  UTILIZZATA PER  LEGGERE  E SCRIVERE.
(..) ESPERIENZE  ORMAI  CONSOLIDATE  DIMOSTRANO  CHE  RIMPIAZZANDO, ANCHE SOLO TEMPORANEAMENTE , IL  TESTO  SCRITTO  CON  LA  LETTURA  AD  ALTA VOCE  E  CON AUDIOLIBRI, MIGLIORI   SENSIBILMENTE  LE  LORO  PRESTAZIONI SCOLASTICHE  E  IN GENERALE  IL  LORO APPRENDIMENTO:  IL  TUTTO A   BENEFICIO  DELL’AUTOSTIMA DEL BAMBINO! “

fonte :      http://www.ilnarratore.com

__________________________________________________________________________________

COME SI PUO’  FAR  COSTRUIRE  UN  AUDIOLIBRO  AGLI  ALUNNI ?

UTILIZZANDO   UN  SOFTWARE  SPECIFICO   :

ILMIOLIBROBIG

Si tratta di un software FREEWARE  costruito  e distribuito gratuitamente proprio  per dare la possibilità anche ai bambini  di realizzare audiolibri  (presentazioni in formaro audiobook) in modo semplice, ma molto efficace !  GRAZIE   AD   ALINA  SAVIOLI!

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

CLICCA  QUI, per ascoltare le istruzioni per utilizzare il software ILMIOLIBRO.

____________________________________________________________________________________________

Questo  utilissimo software lo puoi scaricare  al seguente  LINK:   www.lacartellabella.com